REGIONALI: D’ALIA “CANDIDARE UN POLITICO, NON CREDO A CIVISMO”

Pubblichiamo l’intervista di Giuseppina Varsalona dell’agenzia Italpress al coordinatore nazionale dei Centristi per l’Europa Gianpiero D’Alia sulle prossime elezioni regionali siciliane.

intervistaPALERMO (ITALPRESS) – “I nomi? sono marginali rispetto al programma, andranno scelti insieme alla coalizione”. Gianpiero D’Alia, coordinatore nazionale dei Centristi per l’Europa, in un’intervista all’Italpress, torna sul tema delle alleanze in vista delle regionali siciliane. Due giorni fa a Scicli Pierferdinando Casini ha lanciato, come possibili
candidature per la Presidenza di Palazzo d’Orleans, quelle dell’ex ministro, dell’europarlamentare Giovanni La Via e di Dore Misuraca. Ma lui per il momento di nomi preferisce non parlare anche se vede lontana l’ipotesi che il centrosinistra alla fine opti per la scelta di un nome esterno agli schemi dei partiti: “Non credo al civismo generale perchè quando sei impegnato in politica sei un politico a tutto tondo”. 
In effetti il nodo da sciogliere e’ sempre quello delle coalizioni. L’incognita resta quella legata alla scelta che fara’ alla fine Alternativa Popolare.
“Sono in stretto contatto con Angelino Alfano con cui ho un ottimo rapporto”, afferma, ma “la politica ha i suoi tempi e nessuno può forzare Ap. Non so se l’intesa tra Alternativa popolare e il Pd sia chiusa ma credo che Alfano abbia la consapevolezza che l’alleanza tra l’area moderata e quella progressista sia la migliore strada possibile” a livello siciliano e nazionale. “E’ un modello – spiega D’Alia – che abbiamo sperimentato a livello nazionale in questi anni sostenendo Letta, Renzi e Gentiloni. In Sicilia ha prodotto effetti meno importanti perchè la guida di Crocetta non è stata all’altezza del compito”.
Qualora ci fossero ancora dubbi, l’ex ministro vede ormai esaurita la possibilità di creare un Partito popolare europeo insieme agli azzurri: “le condizioni non ci sono perchè Silvio Berlusconi insegue la destra populista di Giorgia Meloni e Matteo Salvini.
La Sicilia ha un’eredità pesante. I governi di centrodestra hanno avuto un esito disastroso. Non possiamo offrire ai siciliani una minestra riscaldata, non gradevole dieci anni fa, figuriamoci oggi”.
A furia di parlare di alleanze, di totocandidati non c’è il rischio di perdere di vista l’obiettivo Sicilia? C’è “la necessità di ricominciare a parlare di programmi”, risponde, ricordando gli obiettivi dei Centristi per l’Europa: “Revisione dello Statuto, abolizione del voto segreto all’Ars, riforma amministrativa per semplificare le procedure burocratiche e fiscalità di vantaggio sono alcuni dei punti cardine del nostro programma”, sottolinea. E richiama la necessità di “individuare un metodo per la selezione della classe dirigente”, ponendo l’accento sul “rispetto del codice antimafia”: “I candidati devono sottoscrivere un patto con gli elettori e si devono impegnare a non cambiare casacca, per evitare il trasformismo e la transumanza da un gruppo all’altro, spettacolo avvilente che ha caratterizzato questa legislatura”.
Quanto alla legge elettorale, “ci troviamo di fronte, dopo le due sentenze che hanno demolito il Porcellum e l’Italicum, alla necessità di trovare regole affinchè i cittadini possano eleggere i propri rappresentanti in Parlamento”.
Ma il centrosinistra cosa e’ disposto a concedere ad Alfano, per potere stringere l’alleanza? “Non si fanno leggi elettorali contro qualcuno ma per garantire che il meccanismo di trasformazione di voti e seggi riesca a garantire stabilità di governo”.
(ITALPRESS).

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...