D’Alia: «Crocetta? Prima le riforme, poi si tirino le somme»

1giampier

Pubblichiamo l’intervista di Stefania Giuffrè a Gianpiero D’Alia pubblicata oggi su il Giornale di Sicilia.

PALERMO Prima le riforme, poi si deciderà. Gianpiero D’Alia, presidente nazionale dell’Udc, traccia il percorso e lavora ad un’alleanza ampia.

··· Crocetta si è rimesso alla volontà del parlamento, invitandolo a completare le riforme e poi decidere. È d’accordo con questa linea?

«La prossima settimana si riunirà l’ufficio politico dell’Udc, io non voglio anticipare valutazioni che spettano a tutti. Mi sembra comunque un’impostazione istituzionalmente corretta. Ci sono alcuni passaggi fondamentali che l’Ars deve consumare».

··· Quali sono questi passaggi?

«La legge di riforma delle Province, poi la legge sul servizio idrico integrato. Soprattutto si deve definire la legge di bilancio 2015 chiarendo i rapporti con lo Stato in materia finanziaria altrimenti non si è in condizione di amministrare la Regione dal primo gennaio 2016. Dopo questi passaggi ognuno farà le proprie valutazioni».

··· Qual è il suo giudizio su questa esperienza di governo?

«Si doveva avviare una stagione di cambiamento e di riforme utili e positive ma non è avvenuto. Ho ascolta to con attenzione il discorso di Crocetta ma gran parte delle cose che dice di aver fatto sono solo denunce, giuste perché è necessaria un’azione radicale di sradicamento del malaffare e della corruzione ma solo con le denunce non si governa. Il bilancio non è positivo, c’è stata una serie di errori politici di Crocetta».

··· Quali?

«Non aver posto al centro dell’azione politica alcune cose concrete come la riforma amministrativa, una legislazione speciale in materia di fondi europei, una riforma della Formazione che consentisse di demolire il malaffare ma anche di creare un sistema di incontro fra domanda e offerta di lavoro efficiente e virtuoso. Potevano essere fatte tante riforme a costo zero: quella urbanistica o quella sul decentramento delle funzioni amministrative, noi le abbiamo proposte ma sono rimaste nel cassetto. E la responsabilità politica non è solo del governatore, nasce anche da una lunga serie di conflitti fra lui e il suo partito».

··· Con l’ingresso dell’assessore Pistorio in giunta il governo da tecnico è diventato politico. Era un tentativo da parte dell’Udc di aggiustare il tiro?

«Pistorio associa capacità tecnica e amministrativa alla sua esperienza politica importante. E i primi risultati si stanno vedendo: c’è finalmente un percorso certo e condiviso sui liberi consorzi, le politiche in tema di personale e contenimento della spesa corrente registrano una seria inversione di rotta, è stato approvato il piano sulla banda larga, uno degli investimenti più importanti».

··· Con il Pd avete parlato del dopo-Crocetta?

«Non ci siamo incontrati, ma noi in questa fase siamo interessati a concludere questi passaggi in assemblea. Poi ci chiederemo se ha senso proseguire questa esperienza o no».

··· Si parla di una possibile intesa fra Pd e Ncd. Lei cosa ne pensa?

«Con gli amici del Nuovo centrodestra abbiamo iniziato un percorso politico a livello nazionale già dalle europee, Lavoriamo perché ci sia un’alleanza non solo fra noi e Ned ma anche con il Pd, un percorso che possa portare a risultati migliori. Questa maggioranza non è stata autosufficiente, ci siamo dovuti affidare a coloro i quali amano cambiare partito o movimento come le camicie. E questo è stata un’ulteriore causa di blocco. Ciò che va costruito è alleanza politica con la p maiuscola, non una sommatoria di parlamentari riciclati».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...